Ezio Gribaudo | Biografia 1959
Sito web ufficiale dell'artista Ezio Gribaudo
975
post-template-default,single,single-post,postid-975,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.2,vertical_menu_enabled,paspartu_enabled,menu-animation-line-through,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Biografia 1959

Una significativa sintesi di tutto il lavoro compiuto fra il ’57 e il ’59 (composizioni figurative) è presentata a Torino, alla Galleria La Bussola, con presentazione in catalogo di Luigi Carluccio. Partecipa con successo al Premio La Spezia. Entra alla Fratelli Pozzo, grande industria tipografica e casa editrice, fra le altre cose, degli orari ferroviari. Stimolante contatto quotidiano con la tipografia, i cui passaggi si effettuano ancora tutti in modo tradizionale. La sensazione che la tecnologia della stampa si sarebbe rapidamente evoluta, lo spinge a conservare i flani tipografici (i fogli originali da cui venivano ricavate le pagine a stampa), la carta buvard, carta particolarmente porosa impiegata come materiale assorbente, e altri elementi vissuti come veri e propri ready-made, apres dada. Inizia per la Fratelli Pozzo le Edizioni d’Arte che dirigerà fino al 1974, pubblicando complessivamente 130 titoli. La prima opera è Morphologie Autre di Michel Tapié: un testo rivoluzionario e stimolante che costituisce un significativo approfondimento critico sull’arte nuova, le cui forme autres richiedono un’estetica altrettanto rinnovata, in grado di misurarsi con esse. Segue nello stesso anno Cinquanta anni d’arte a Torino: una panoramica della pittura piemontese da Fontanesi ai contemporanei tracciata da Adalberto Campagnoli. Amicizia con il collezionista Carlo Monzino. Nasce la figlia Paola.