Ezio Gribaudo | Biografia: 1965
Sito web ufficiale dell'artista Ezio Gribaudo
963
post-template-default,single,single-post,postid-963,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.2,vertical_menu_enabled,paspartu_enabled,menu-animation-line-through,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Biografia: 1965

Alla mostra personale presso la Galleria Pogliani di Roma presenta ancora una volta Il Concilio Ecumenico più altre opere recenti: sedici olii su tela, undici disegni e quattro flani. Fra gli autori dei testi in catalogo, Luigi Carluccio, Giuseppe Marchiori e Albino Galvano, è Marchiori a cogliere la dirompente novità dei Flani: ”La ricerca dei materiali inediti… non è un semplice fatto sperimentale… All’inizio dell’età tecnologica può corrispondere l’inizio di un nuovo periodo della storia dell’arte. Per chi ama le date, si può proporre, per questo inizio, l’anno 1960. Ciascuno vi contribuisce, non diverso dal monaco dell’anno Mille, con l’impegno di sottrarre alla barbarie irrompente del consumo di frammenti espressivi dell’era che incomincia, utili per un giorno e immediatamente abbandonati e distrutti. Uno di questi monaci della produzione e della cronaca quotidiana è Gribaudo, nato, come la maggior parte degli artisti della sua generazione, nel 1960… Gribaudo fissa nella matrice… una propria scelta, che distrugge l’utilità e la ragione dell’ordine della pagina composta, per imporre, al loro posto, la logica costruttiva di uno spazio pittorico. Il fatto è cancellato, sia nelle parole, sia nell’immagine fotografica: il fatto diventa forma…”. Partecipa al Salon de Mai di Parigi, alla collettiva Dieci anni di giovane pittura in Piemonte, presso la Galleria Narciso di Torino, alla rassegna il linguaggio grafico nella comunicazione visiva, alla Facoltà di Architettura del Castello del Valentino a Torino e alla IX Quadriennale Nazionale D’Arte di Roma dove vince il Premio per l’incisione. Un riconoscimento prestigiosissimo, ottenuto presentando soltanto tre flani: Flano VI, Flano VIII e Flano IX. Realizza il catalogo della mostra antologica di Graham Sutherland, svoltasi alla Galleria Civica. Con l’artista inglese nasce un’amicizia durata molti anni che culminerà nel 1973 con la pubblicazione della monografia Graham Sutherland (”Grandi Monografie” Fabbri). Per la Fratelli Pozzo pubblica l’ampio studio di Andreina Griseri, Jaquerio e il realismo gotico in Piemonte, la prima sintesi moderna sul gotico piemontese. Diventa consulente di Pininfarina, desideroso di iniziare una collezione e in seguito creare una fondazione per l’arte moderna (mai realizzata). Viaggi in Arizona e Messico.