Biografia: 2006

Partecipa alla mostra collettiva Six artists for Sauze d’Oulx 2006 (28 gennaio – 26 febbraio) in occasione dei XX Giochi olimpici invernali di Torino. Inaugurazione della sala con le opere di Santi e Beati, presso il Seminario Maggiore di Torino, con il dipinto Beato Francesco Faa’ di Bruno, alla presenza del cardinale Severino Poletto arcivescovo di Torino (21 febbraio). Bianchi e Teatri Antologia 1966-2006 è il titolo della mostra presso gli spazi suggestivi della Giugiaro Design di Moncalieri (22 marzo – 28 aprile), con catalogo edito da Skira e con un testo di Willy Beck, nel quale Giorgetto Giugiaro scrive: “Con la mostra di Ezio Gribaudo siamo giunti a un momento di sintesi molto alto, a un raffinato equilibrio fatto di bianchi e di colori giocati a piena tela o a tasselli geometrici mai aggressivi bensìÏ discreti, a comporre tematiche cosìÏ coerenti da sembrare textures”. A New York espone i Teatri della memoria da Briggs Robinson Gallery (14 settembre – 2 ottobre), a cinquant’anni dalla prima mostra in questa città che fu alla Wittenborn One Wall Gallery; Gribaudo presenta per la prima volta in America questo ciclo di lavori, in catalogo testo di Willy Beck. A Torino espone alla Galleria 44 (settembreottobre) una quindicina di Teatri della memoria inediti. Partecipa inoltre alle mostre collettive Bam on tour a Verbania a cura di Edoardo Di Mauro, alla mostra Michel Tapié e gli artisti torinesi dans un temps autre 1959-1977, Galleria Arte Regina a Torino (novembre) e alla Notte del treno, con l’opera Deserto e locomotiva del 1973, presso la Torre della Filanda a Pont Canavese, a cura di Gianfranco Schialvino.

Questo post è disponibile anche in: Inglese

Leave a Reply