Ezio Gribaudo | Biografia 2010
Sito web ufficiale dell'artista Ezio Gribaudo
2494
post-template-default,single,single-post,postid-2494,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.2,vertical_menu_enabled,paspartu_enabled,menu-animation-line-through,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Biografia 2010

Partecipa alla mostra collettiva presso la Sala Bolaffi a Torino dal titolo Torino Sperimentale 1959 – 1969. Una storia della cronaca, Il sistema delle arti come avanguardia, a cura di Giorgina Bertolino e Francesa Pola.

Nel catalogo a cura di Luca Massimo Barbero (19 febbraio – 9 maggio), una lunga intervista correlata da molti indeiti documenti dell’Archivio Gribaudo.

Il 2 maggio 2010 in occasione della visita del Santo Padre Benedetto XVI a Torino viene donata un’opera di Gribaudo dalla Curia Torinese, un ritratto eseguito nel 2005 quando è stato eletto Papa. La tecnica è mista, collage e flani (66 x 90 cm.), il Santo Padre è sovrastato da una cellula cerebrale ingrandita milioni di volte e tutt’attorno da flani del De rerum natura di Lucrezio.

Il 22 maggio si inaugura una mostra personale a Torre Canavese, presso la Galleria Datrino, un incontro tra l’arte antica e quella contemporanea.

Il 23 maggio partecipa al premio Santhià. Espone due opere su carta alla Biblioteca Nazionale di Torino (15 luglio – 29 luglio) nell’ambito di stemperando mostra itinerante, a cura di Giovanna Barbero, presso la biblioteca nazionale di Cosenza e infine alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma (20 gennaio  – 5 marzo 2011).

Partecipa con un’opera alla mostra per gli ottant’anni di Francesco Tabusso, Fondazione Amendola a Torino (giugno).

Mostra collettiva Terra Natura a Carignano (settembre – novembre).

Dal 25 novembre a gennaio 2011 la Galleria Davico di Torino festeggia i 40 anni di attività; Gribaudo espone un’opera dedicata all’Egitto già precedentemente esposta alla Davico nel 1973.

Inaugura la mostra alla Galleria Dantesca di Torino nel mese di Dicembre e parallelamente illustra per la grande collana di Fogola Tifone di Conrad. Partecipa con l’opera composizione del 1956 alla mostra collettiva L’informale in Piemonte. Arte costume e società negli anni 5, Palazzo Guasco Alessandria.