delete

Biografia: 1965

Alla mostra personale presso la Galleria Pogliani di Roma presenta ancora una volta Il Concilio Ecumenico più altre opere recenti: sedici olii su tela, undici disegni e quattro flani. Fra gli autori dei testi in catalogo, Luigi Carluccio, Giuseppe Marchiori e Albino Galvano, è Marchiori a cogliere la dirompente novità dei Flani: ”La ricerca dei materiali inediti… non è un semplice fatto sperimentale… All’inizio dell’età tecnologica può corrispondere l’inizio di un nuovo periodo della storia dell’arte. Per chi ama le date, si può...
delete

Biografia: 1966

Invitato alla XXXIII Biennale Internazionale di Venezia, vince il prestigiosissimo Premio Ufficiale riservato a un artista grafico italiano. Espone i Logogrifi, dal greco ”logos” discorso, e ”grifo” rete da pesca, cioè readymades manipolati, giochi enigmistici, parole scomposte nei loro elementi costitutivi da formarne altre, potenzialmente infinite, ottenuti utilizzando la tecnica di rilievo su carta buvard, bianco su bianco. Lavori astratti o anche cartelle a tema che diventeranno i più caratteristici della sua produzione fra gli anni Sessanta e...
delete

Biografia: 1967

Numerose le mostre personali dell’anno. Alla Galleria Larcade di Parigi presentato da Ernest Pirotte (pseudonimo di Paul Bury): vi espone logogrifi bianchi i cui titoli sono tratti da termini greci riferiti alla grafica. Alla Galleria La Minima di Torino (catalogo con testo di Cesare Zavattini): i logogrifi bianchi presentati hanno titoli fantasiosi come Gillotipia, Greco delle incisioni, Greco paleografico, Palingrafico. Altre personali si tengono presso la Galleria La Bertesca di Genova, la Galleria La Giostra di Asti, la Galleria Paola Barozzi di Venezia, e la...
delete

Biografia 1968

Allestisce una mostra personale alla Galleria de France a Parigi (presentato in catalogo da Renato Barilli) composta esclusivamente di logogrifi bianchi. Bianco che diventa in questi anni il suo colore più tipico e caratteristico, tanto da spingere Giorgio de Chirico a parlare di ”leucofilia” a proposito del suo lavoro. Logogrifi bianchi sono esposti anche presso la Galerie Zodiaque di Ginevra. A scriverne nell’introduzione del catalogo questa volta è Michel Tapié: ”A travers les mille chemins proposés par l’illimité des actuelles...
delete

Biografia 1969

Molto lunga la serie delle mostre personali dell’anno: otto, tenute rispettivamente presso la Albert White Gallery di Toronto, la Maison des Arts et Loisirs di Le Creusot, la Galleria G13 di Seregno (dove vengono esposti logogrifi eseguiti nelI’ultimo biennio in esemplare unico, presentati in catalogo da Giorgio de Chirico), la Galleria Hollar di Praga (vi presenta esclusivamente logogrifi su carta degli anni 1967-68-69; per l’occasione è edito un catalogo curato da Jiri Siblik), la Gallerie Zodiaque di Ginevra, la Galleria Gissi di Torino. Qui propone...
delete

Biografia: 1970

In questo momento, caratterizzato da un diffuso abbandono della pittura da parte della cultura artistica italiana, sente invece, al contrario, l’esigenza di riavvicinarsi ad essa, di effettuare un vero e proprio ”ritorno all’ordine” e ai mezzi tradizionali, pur continuando a privilegiare il bianco: come colore ma, ancora di più, come qualità di superficie, come materia dalla luminosità diffusa e incomparabile. Nonostante questa sorta di discontinuità nel lavoro, la produzione dei logogrifi continua pur subendo alcune varianti: per esempio...