Ezio Gribaudo | Materiale Biografico
Sito web ufficiale dell'artista Ezio Gribaudo
57
archive,paged,category,category-materiale-biografico,category-57,paged-5,category-paged-5,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.2,vertical_menu_enabled,paspartu_enabled,menu-animation-line-through,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Biografia: 1958

Alla Galleria Circolo degli Artisti di Biella tiene una precoce ''antologica'', esponendo 38 opere, paesaggi e figure, eseguite fra il '54 e il '58, e in parte almeno stilisticamente vicine al ''clima'' teso ed esasperato del Realismo Esistenziale. Viaggio a Parigi dove non solo visita musei e gallerie d'arte ma acquista un disegno di Toulouse-Lautrec. È la prima opera di una collezione straordinaria, in seguito arricchita, per oltre trent'anni, da continue e tempestive acquisizioni che includono opere di Lucio Fontana, Alberto Burri, vari espressionisti astratti americani, i protagonisti delI’informale francese,...

Continue Reading

Biografia 1959

Una significativa sintesi di tutto il lavoro compiuto fra il '57 e il '59 (composizioni figurative) è presentata a Torino, alla Galleria La Bussola, con presentazione in catalogo di Luigi Carluccio. Partecipa con successo al Premio La Spezia. Entra alla Fratelli Pozzo, grande industria tipografica e casa editrice, fra le altre cose, degli orari ferroviari. Stimolante contatto quotidiano con la tipografia, i cui passaggi si effettuano ancora tutti in modo tradizionale. La sensazione che la tecnologia della stampa si sarebbe rapidamente evoluta, lo spinge a conservare i flani tipografici (i...

Continue Reading

Biografia: 1960

Partecipa al Premio Arezzo, al Premio Marche e al Premio Torre Pellice. Incontro con il gruppo Cobra; con Asger Jorn, Pierre Alechinsky e Karel Appel nasce un vero e proprio sodalizio che condurrà alla pubblicazione di molti volumi di grande significato sulla storia del gruppo, sulle singole personalità e su alcuni ''progetti speciali''. Fra questi Les Tireurs de langue, di Alechinsky e Amos Kenan (Fratelli Pozzo 1961); Sculture di Karel Appel, con la prefazione di Whilem Sandberg e il Diario di Ulisse a Roseland di Michele Straniero (Fratelli Pozzo 1962);...

Continue Reading

Biografia: 1961

Alla mostra personale tenuta presso la Galleria del Cavallino di Venezia (presentato in catalogo da Michel Tapié) espone Memorie e immagini simboliche realizzate con tecniche miste. Partecipa alla collettiva, Giovani Pittori in Piemonte svoltasi presso il Centro Culturale Olivetti di Ivrea. Tre dipinti che rappresentano i Martiri di Belfiore sono commissionati dal Museo Nazionale del Risorgimento di Torino, dove sono tuttora esposti. Cura la mostra, tenutasi alla Galleria Civica, Pittura straniera nelle collezioni private italiane, di cui realizza il catalogo (Fratelli Pozzo) con presentazione di Giuseppe Marchiori. Per la Fratelli...

Continue Reading

Biografia: 1962

Espone Un viaggio americano alla prestigiosa Galleria Del Naviglio di Milano, con un testo di Franco Russoli. Sono tecniche miste, collage, tempere e pastelli su carta caratterizzati dall'abbondante uso di ''ori grattati'', quasi una rievocazione della luminosità artificiale ed abbagliante dei grattacieli sullo sfondo brillante del cielo newyorkese. Un omaggio ''segreto'' agli espressionisti astratti americani, allora ancora così poco frequentati, se non poco conosciuti, in Italia. Opere simili sono presentate anche a Torino, Galleria l'Immagine, nella mostra Un viaggio a New York (catalogo a cura di Renzo Guasco). Collabora alla...

Continue Reading

Biografia: 1963

Alla mostra personale presso la Galleria del Cavallino di Venezia, presentato in catalogo da Andreina Griseri, espone il Concilio Ecumenico: olii su tela, collage su carta e, per la prima volta, flani . ''Quasi diario in margine a letture attuali…'' scrive la Griseri di queste iconografie cosi originali ''fogli di taccuino squisitamente trasportati per intimismo ammiccante...

Continue Reading

Biografia: 1964

Il Concilio Ecumenico è esposto di nuovo alla Galleria Il Punto di Torino (catalogo con testo di Albino Galvano). In una personale presso la Galleria l'Ortogono di Asti presenta invece pastelli ispirati al recente viaggio in Messico compiuto nello stesso anno. Lì conosce David Alfaro Siqueros: fra i due nasce un rapporto che alcuni anni dopo porterà alla realizzazione della monografia David Alfaro Siqueros (''Grandi Monografie'', Fabbri 1968). Partecipa una seconda volta al Premio Ramazzotti, Milano, e al Premio Torre Pellice. Alla Galleria Civica realizza la mostra antologica e il...

Continue Reading

Biografia: 1965

Alla mostra personale presso la Galleria Pogliani di Roma presenta ancora una volta Il Concilio Ecumenico più altre opere recenti: sedici olii su tela, undici disegni e quattro flani. Fra gli autori dei testi in catalogo, Luigi Carluccio, Giuseppe Marchiori e Albino Galvano, è Marchiori a cogliere la dirompente novità dei Flani: ''La ricerca dei materiali inediti...

Continue Reading

Biografia: 1966

Invitato alla XXXIII Biennale Internazionale di Venezia, vince il prestigiosissimo Premio Ufficiale riservato a un artista grafico italiano. Espone i Logogrifi, dal greco ''logos'' discorso, e ''grifo'' rete da pesca, cioè readymades manipolati, giochi enigmistici, parole scomposte nei loro elementi costitutivi da formarne altre, potenzialmente infinite, ottenuti utilizzando la tecnica di rilievo su carta buvard, bianco su bianco. Lavori astratti o anche cartelle a tema che diventeranno i più caratteristici della sua produzione fra gli anni Sessanta e i primi anni Settanta. Opere analoghe sono presentate anche a Torino, alla...

Continue Reading

Biografia: 1967

Numerose le mostre personali dell'anno. Alla Galleria Larcade di Parigi presentato da Ernest Pirotte (pseudonimo di Paul Bury): vi espone logogrifi bianchi i cui titoli sono tratti da termini greci riferiti alla grafica. Alla Galleria La Minima di Torino (catalogo con testo di Cesare Zavattini): i logogrifi bianchi presentati hanno titoli fantasiosi come Gillotipia, Greco delle incisioni, Greco paleografico, Palingrafico. Altre personali si tengono presso la Galleria La Bertesca di Genova, la Galleria La Giostra di Asti, la Galleria Paola Barozzi di Venezia, e la Saletta grafica della Galleria Schwarz...

Continue Reading

Biografia 1968

Allestisce una mostra personale alla Galleria de France a Parigi (presentato in catalogo da Renato Barilli) composta esclusivamente di logogrifi bianchi. Bianco che diventa in questi anni il suo colore più tipico e caratteristico, tanto da spingere Giorgio de Chirico a parlare di ''leucofilia'' a proposito del suo lavoro. Logogrifi bianchi sono esposti anche presso la Galerie Zodiaque di Ginevra. A scriverne nell'introduzione del catalogo questa volta è Michel Tapié: ''A travers les mille chemins proposés par l'illimité des actuelles eclectismes, Gribaudo a trouvé sa rigueur dans un extraordinaire metier...

Continue Reading

Biografia 1969

Molto lunga la serie delle mostre personali dell'anno: otto, tenute rispettivamente presso la Albert White Gallery di Toronto, la Maison des Arts et Loisirs di Le Creusot, la Galleria G13 di Seregno (dove vengono esposti logogrifi eseguiti nelI’ultimo biennio in esemplare unico, presentati in catalogo da Giorgio de Chirico), la Galleria Hollar di Praga (vi presenta esclusivamente logogrifi su carta degli anni 1967-68-69; per l'occasione è edito un catalogo curato da Jiri Siblik), la Gallerie Zodiaque di Ginevra, la Galleria Gissi di Torino. Qui propone logogrifi realizzati con un materiale...

Continue Reading

Biografia: 1970

In questo momento, caratterizzato da un diffuso abbandono della pittura da parte della cultura artistica italiana, sente invece, al contrario, l'esigenza di riavvicinarsi ad essa, di effettuare un vero e proprio ''ritorno all'ordine'' e ai mezzi tradizionali, pur continuando a privilegiare il bianco: come colore ma, ancora di più, come qualità di superficie, come materia dalla luminosità diffusa e incomparabile. Nonostante questa sorta di discontinuità nel lavoro, la produzione dei logogrifi continua pur subendo alcune varianti: per esempio l'utilizzo del polistirolo, sempre più frequente. Contemporaneamente esegue le prime sculture, all’inizio...

Continue Reading

Biografia 1971

Importante mostra personale presso il Kunstverein di Gottingen (per l'occasione è edito un catalogo con testi di Giorgio de Chirico, Raffaele Carrieri, Heinrich Wurm), dove presenta oltre sessanta opere recenti: logogrifi in polistirolo, saccogrifi (in polistirolo e tela di juta), metallogrifi e flani. Opere fenomenologicamente sempre più complesse, compromesse in molteplici effetti di materia-luce e colore, imparagonabili alle caste superfici di poco tempo prima. Un'antologia di logogrifi in vari materiali (polistirolo, carta, juta) è esposta anche alla Galleria Blu di Milano. Il catalogo è curato da Raffaele Carrieri. Altre personali...

Continue Reading

Biografia: 1972

Alla Galleria Schwarz di Milano. Presenta esclusivamente metallogrifi, dalla superficie ricca e cangiante, che segretamente sembra quasi emulare la preziosità di antichi ''fondi oro'', o icone: in cui il manifestarsi del sacro non dà luogo a immagini ma soltanto a epifanie luminose. Opere, quindi, in un certo senso ''opposte'', a quanto le ha precedute, opportunamente descritte da Janus nell'intervallo critico pubblicato nel catalogo della rassegna: ''In fondo il pittore rimarrà sempre una specie di alchimista, faccia uso della ragione oppure della fantasia, e noi sospettiamo che nei recessi del suo...

Continue Reading

Biografia 1973

In una mostra presso la Galleria Ferrari Grafica di Verona espone le cartelle grafiche Machupicchu e Giappone, realizzate entrambe due anni prima, e vari logogrifi della serie Totem ed Ecologica, eseguiti fra il 1971 e il 1972. Le rassegne più importanti dell'anno si tengono però a Ferrara al Palazzo dei Diamanti (per l'occasione è edito un ampio catalogo con testi di Franco Farina e Janus): vi sono esposte 42 opere, dai Flani del 1965, ai Logogrifi del 1965-73, ai Saccogrifi del 1970-71, e infine varie opere grafiche. È al Museo...

Continue Reading

Biografia 1975

In una mostra personale alla Galleria Michaud di Firenze espone numerose opere recenti: polimaterici, grafiche della serie Zodiaco in bianco su bianco o bianco, argento, oro. In catalogo nessun testo critico ma poesie di Hans Richter. Logogrifi in polistirolo e opere grafiche inedite della serie Safari lettrista, in bianco e oro (che in questi anni attira sempre di più le sue simpatie) sono presentate invece alla Galleria Mutina di Modena. Il testo in catalogo è della poetessa Marisa Zoni, che del Safari lettrista, cioè degli animali dal corpo di parole...

Continue Reading

Biografia: 1976

Alla Galleria Sagittarius di Torino presenta un ciclo di quadri realizzati nellultimo biennio: i Cieli, inchiostri tipografici su carte intelate che, al di là dell'immancabile componente tecnologica contenuta già nello stesso materiale utilizzato, rivelano una Kunstwollen nuova, di qualità lirica, effusiva, sognante. E intensamente pittorica. Nella stessa mostra, presentata da Adalberto Chiesa, propone anche alcune sculture in bronzo, tutte esemplari unici. Opere simili, più flani, logogrifi su carta e in polistirolo, sono esposte anche in una personale alla Maison de la Culture di Saint Etienne (nel catalogo, edito per l’occasione,...

Continue Reading