Ezio Gribaudo | Materiale Biografico
Sito web ufficiale dell'artista Ezio Gribaudo
57
archive,paged,category,category-materiale-biografico,category-57,paged-6,category-paged-6,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.2,vertical_menu_enabled,paspartu_enabled,menu-animation-line-through,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Biografia 1977

Mostra personale alla Galleria Acquario di Casale Monferrato. Realizza gli Atlanti, un ciclo di tecniche miste su carta intelata dove orizzonti e paesaggi fittizi sono illusoriamente ricreati dal contrasto di superfici diverse fra loro: alcune intensamente pittoriche, materiche, graffite, terrestri; altre asettiche e luminose, irraggiungibili come il cielo autunnale. Pubblica un'ampia monografia sull’opera di Renzo Vespignani (Fabbri)....

Continue Reading

Biografia 1978

Mostra personale al Graphica Club d'Arte Moderna di Milano, dove espone sculture e logogrifi bianchi in polistirolo. Alla Galleria Ricerche, Torino (catalogo con una poesia di Marisa Zoni), presenta i Cieli, il ciclo di opere Cubi nello spazio, e i Paesaggi dell'Atlas, realizzati con inchiostri tipografici e pastelli su carte intelate. Partecipa alla Biennale Internazionale della Grafica, allestita a Firenze, nelle sale di Palazzo Strozzi. Incontra a Parigi Mihail Chemiakin, con cui nasce una grande amicizia. In una mostra presso la Galleria Fischer, l'artista russo utilizza poi alcuni logogrifi come...

Continue Reading

Biografia 1979

Nella mostra personale alla Galleria Gissi di Torino espone tecniche miste, pastelli su carta e olii su tela, intitolati Cupole russe. Dove il motivo, fortemente plastico e decorativo, del profilo di queste forme a doppia curva, concava e convessa, si staglia e si incrocia su supporti di ogni genere, dai flani bianchi, alle iute, alle carte colorate. ''Comment un pur latin comme Ezio Gribaudo a-t-il pu penetrer dans l'essence meme de ce qui berce la fameuse 'ame slave'?'' si domanda Lydia Orloff nell'introduzione al catalogo, ''J'ai été bouleversée pas sa...

Continue Reading

Biografia: 1980

Alla Galerie Abel Rambert di Parigi presenta una nuova serie di Cupole russe realizzate su mappe topografiche a tempera e pastello. In catalogo un'antologia di poeti russi. Un ciclo di pastelli su carta ispirati a un recente viaggio in India e in Nepal è esposto invece alla Galleria Ottini di Torino. Collabora alla realizzazione della mostra antologica di Theophile Alexandre Steinlen, allestita alla Civica Galleria d'Arte Moderna di Torino, per cui cura anche la grafica del catalogo....

Continue Reading

Biografia 1981

Logogrifi ottenuti per la prima volta con un materiale naturale non trattato, il legno di tiglio, vengono esposti alla E. Nakhamkin Gallery di New York (in catalogo testi di Graham Sutherland e Jean Dubuffet). Si tratta di altorilievi a più stratificazioni scavate nel legno grezzo, sorta di carte topografiche di un immaginario paesistico sempre assai fervido, dove le quote dell'intaglio mimano le curve di livello, senza rinunciare ai tenui e delicatissimi effetti cromatici dati dalle calde sfumature della materia stessa. Un risultato che si colloca all'estremità opposta del ventennale percorso...

Continue Reading

Biografia 1982

Una trentina di recenti Logogrifi su legno più dodici su carta sono presentati alla Galleria Toninelli di Roma. In catalogo è Enrico Crispolti a commentare la significativa evoluzione, tecnica ed estetica, compiuta dall’artista: ''I 'legni' di Gribaudo ci propongono immagini inedite di 'natura'. Direi esattamente di una 'natura' attraversata da una pratica tecnologica, ma infine ricuperata proprio come tale, al di là della tecnologia. Insomma, le sue, sono possibili immagini attuali, postecnologiche, di 'natura'...

Continue Reading

Biografia 1983

Mostra personale alla Galleria dei Bibliofili, Milano (in catalogo un testo di Pietro Fornasetti). Espone logogrifi in legno di tiglio e su carta. Partecipa per la seconda volta al FIAC, allestito al Grand Palais di Parigi, presentato dalla Galleria Toninelli, e alla rassegna collettiva Bianco, semaforo dell'Arte, organizzata a Foggia, presso il Palazzetto dell'Arte a cura di Giorgio di Genova. Cura la grafica del catalogo della mostra 100 Oeuvres du Musee Tretiakov de Moskou, allestita al Petit Palais di Ginevra. Visita la Tunisia e il Marocco, realizzando, come di consueto,...

Continue Reading

Biografia: 1984

Oltre alla mostra presso la Lawrence Ross Gallery di Beverly Hills (presentato in catalogo da Plinius), partecipa al Christchurch Festival Exhibition, organizzato dalla Robert McDougall Art Gallery di Christchurch in Nuova Zelanda. Per l'occasione, viaggio agli antipodi, in Nuova Zelanda e Australia, dove realizza schizzi di piccole dimensioni utilizzando esclusivamente colori e pigmenti locali: nel tentativo di restituire il senso e l'atmosfera del paesaggio australiano, facendo tesoro dell'esperienza già accumulata in Cina. In questa occasione, nei pressi di Alice Spring, visita una zona dove erano stati scoperti fossili di dinosauri;...

Continue Reading

Biografia: 1985

Le personali dell'anno sono dedicate quasi interamente a lavori ''cinesi''. Ventidue tele di questo soggetto, serie Cina 1982-83, e alcuni logogrifi su carta sono presentati alla Galleria Davico di Torino. In catalogo testi di Filippo Scroppo e Nico Orengo, che descrive questi innaturalistici paesaggi, composti spesso da frammenti, relitti di immagini deposti l'uno accanto all'altro nell’opera definitiva, in apparente disordine, come ''un recupero di antichi segni e colori, di un tetto di una pagoda, di una coda di drago, di una piuma di cutrettola...

Continue Reading

Biografia: 1986

Una grande mostra antologica, con oltre duecento opere eseguite fra il 1963 e il 1986 e allestita presso il Centro Incontri Avigdor, Piemonte Artistico e Culturale, a Torino. L'anno dopo verrà trasferita al Civico Museo Revoltella Palazzo Costanzi di Trieste. Catalogo edito dalla Fabbri con un testo di Vittorio Sgarbi e una sintetica antologia critica di ventitre testi, uno per ogni anno di lavoro documentato in mostra. Alcune sue opere sono esposte nella rassegna Arte Italiana degli Anni Sessanta nelle collezioni della Galleria d'Arte Moderna-Castello di Rivoli, al Museo Sperimentale...

Continue Reading

Biografia; 1987

Oltre alle mostre personali al Museo Revoltella di Trieste e alla Galleria Bergamini di Milano, partecipa alla Quarta Rassegna Nazionale Carnevale e Maschere, di Viareggio, alla Dodicesima Expo Arte di Bari, al Premio Nazionale d'Arte Contemporanea Città di Campobello di Mazara, a Campobello di Mazara, alla XXX Biennale Nazionale d'Arte, di Milano, alla rassegna collettiva Nero e Oro, organizzata dalla Civica Galleria d'Arte di Portofino, e a Voglia di Pace, una esposizione a cura della Galleria Comunale d’Arte Marzabotto di Sesto Fiorentino. Insieme a Francesco Forte fra il 1986 e...

Continue Reading

Biografia: 1988

Alla Nick Edel Arte, a Torino, espone varie opere della serie I dinosauri: grafiche, sculture, tecniche miste su carta. Partecipa per la seconda volta al Premio Internazionale d'Arte Contemporanea. Pubblica per la collana ''Grandi Monografie'' Fabbri un volume su Fernando Botero, con cui stringe un’intensa amicizia. A pochi mesi di distanza escono le monografie dedicate a Oleg Tselkov e ad Alberto Ziveri (entrambe Fabbri). Viaggio a New York dove incontra Arthur Miller....

Continue Reading

Biografia: 1989

Il Palazzo Lanfranchi di Pisa gli dedica un'importante mostra antologica, Teatro della memoria e altre impronte, dove espone opere eseguite fra il 1963 e il 1988. Il catalogo, edito dalla Fabbri, è curato da Nicola Micieli. Vi sono presentati per la prima volta i Teatri della memoria: collage di logogrifi eseguiti anni prima, in seguito rielaborati e trasformati in immagini nuove. Per ribadire ulteriormente il significato di ritorno su un frammento già compiuto, e quindi ricordato, sottratto al passato, estrapolato (con un'operazione lirica sì, ma anche metalinguistica) da un contesto...

Continue Reading

Biografia: 1990

Alla Galleria Arte 3 di Trieste, presenta una serie di Nature morte su iuta eseguite fra i '85 e il '90. Alcuni Logogrifi sono esposti invece nella personale alla Galleria Spazio, a Salice d'Ulzio. Una nuova serie di Logogrifi su stoffa, che attesta come il suo lavoro continui a basarsi sulla compresenza di diversi elementi e luoghi della ricerca formale, vengono mostrati alla Galleria Il Gabbiano di Roma. In queste opere, anche se il ''tema'' offerto dal dato materico cambia, il colore bianco rimane il filo conduttore. Nella tecnica esecutiva,...

Continue Reading

Biografia 1991 – 1992

Nella mostra personale presso la Galleria Il Leudo di Santa Margherita Ligure, espone Logogrifi degli anni Ottanta e Novanta. Partecipa alle collettive Il mito di Prometeo, allestita nella Sala delle arti, a Collegno, Omaggio a Giulio Bizzozero, Circolo degli Artisti Torino; a Big Working, presso l'Atelier Marconi; e a Una fantasia per il gioco del golf, all'Arte Centro di Milano. Alla Galerie Albert Loeb di Parigi presenta logogrifi bianchi in polistirolo, soggetto dell'importante monografia Ombre Bianche, edita da Cercle d'Art, di Parigi. Le stesse opere sono presentate poi al Centro...

Continue Reading

Biografia: 1993

Arbores. Matrices, Logogryphes è il titolo della mostra personale allestita presso la Galerie Carpentier di Parigi (presentazione di Francesco Poli). Vi sono esposti collages, logogrifi e tecniche miste degli ultimi anni della serie Alberi, portata avanti quasi in segreto accanto a quelle più ''pubbliche'' dei Dinosauri, dei Bestiari in tecnica mista, e dei Teatri della memoria. Quella dell'albero è qui adottata come ''formabase'', contenitore capace di accogliere tutte le sue molteplici curiosità tecniche e compositive. Ma alberi non a caso: perché, come gli animali, forme vive, dotate naturalmente di infinite...

Continue Reading

Biografia: 1994

Il Carnevale Marino è il tema dominante delle tempere e dei collages (una trentina) esposti alla Galleria del Leone di Venezia. Viene presentato da Francesco Forte. A Riva, presso Chieri (TO), nella sede di Palazzo Grosso, propone una selezione di alberi, cavalli e mimose. Edgar Vallora nel testo in catalogo sottolinea come Gribaudo: ''...

Continue Reading

Biografia: 1995

La mostra sul Carnevale Marino viene riproposta, con una trentina di opere, a Genova alla Galleria Il Leudo. Ancora Francesco Forte ricorda ''.. Egli ora disegna, dipinge e stempera i suoi cavalli, i suoi dinosauri, i suoi carnevali marini, con pesci tondi, oblunghi, trapezoidali e scampi rossi assiepati, di tutti i colori, che brillano su tele, su fogli di carta, su cartoni e ancora su pietre lisce e su pareti di case''. In aprile-maggio inaugura a New York da Stubbs Books and Prints Gouaches and watercolor opere su carta e...

Continue Reading

Biografia: 1996

Espone ancora le Mimose a Mentone sempre negli spazi del Musée National d'Histoire Naturelle Val Rahmeh. Per celebrare i trent'anni dal premio alla Biennale di Venezia, gli vengono dedicate due importanti mostre a Canelli e a Torino. Il Museo Gancia di Canelli ospita nei suggestivi spazi delle sue cantine una selezione di 94 opere dal 1966 al 1996: logogrifi, metallogrifi, nature morte su iuta. La mostra è accompagnata da un calendario (1997) con testo di Francesco Forte e da un video per la regia di Willy Darko. Alla Galleria Narciso...

Continue Reading

Biografia: 1997

Alla Galleria Bac-Saint Germain, ancora a Parigi, espone opere più recenti, in una personale curata da Xavier de Coulange. A Palazzo Lomellini di Carmagnola (TO), presenta Deserti-miti e memorie di viaggio, dove i protagonisti sono l'Egitto e la Terra Santa, Petra, le piramidi e gli sconfinati deserti, resi tramite una manipolazione di carte, flani, iute e collages, in opere di grande suggestione. Viene donata al Comune di Carmagnola la scultura Dinosauro. Da Conzano all'Australia - cent'anni di memorie è il tema della mostra tenutasi a Conzano (paese gemellato con la...

Continue Reading