Ezio Gribaudo | Giovanni Carandente – Ezio Gribaudo il peso del concreto – 1968
Sito web ufficiale dell'artista Ezio Gribaudo
1095
post-template-default,single,single-post,postid-1095,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.2,vertical_menu_enabled,paspartu_enabled,menu-animation-line-through,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Giovanni Carandente – Ezio Gribaudo il peso del concreto – 1968

È da Mondrian che il bianco è diventato luce in pittura, mentre qualche anno prima, con Malevic assunse il ruolo della polemica. Forse con Arp e con Capogrossi esso riprese il senso antico dei rilievi romanici. Con Gribaudo è diventato personaggio. Null’altro sono, infatti, le impronte – negative = positive? – nelle “palinodie grafiche” di questi, che figurazioni emblematiche, come sui fianchi del Trono Ludovisi, nei merletti dei marmorari cosmateschi: tracce della memoria, sussulti di voci remote agglomerati del vento come la “rosa del deserto”. E dunque immagine, fgura, prima dispersa poi raggrumata, tanto che parrebbe debba alterarsi da capo, a un semplice moto, al minimo passar dello sguardo. La levità del rilievo, la mobilità delle impronte, la prevalenza di isole piane tra il tremolio dei geroglifici, danno per risultato il personaggio – paesaggio = figura = topografia preistorica? – ora in negativo al centro, ora in positivo in periferia e l’immagine muta con il mutare dello spirito dell’osservatore […]