Palazzo Contarini del Bovolo a Venezia – Ezio Gribaudo Itinerari: New York Venezia Torino
Sito web ufficiale dell'artista Ezio Gribaudo
4062
post-template-default,single,single-post,postid-4062,single-format-standard,stockholm-core-1.2.1,select-theme-ver-5.2.1,ajax_fade,page_not_loaded,vertical_menu_enabled,paspartu_enabled,menu-animation-line-through,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive
Ezio Gribaudo Mostra a Venezia

Palazzo Contarini del Bovolo a Venezia – Ezio Gribaudo Itinerari: New York Venezia Torino

   a cura di Stefano Cecchetto

Palazzo Contarini del Bovolo organizza, presso la propria sede espositiva, una mostra che celebra l’artista Ezio Gribaudo nell’ambito delle manifestazioni in occasione del suo novantesimo compleanno.

La mostra, curata da Stefano Cecchetto, ripercorre un itinerario dell’artista che tocca tre tappe principali del suo lavoro, attraverso i luoghi che hanno caratterizzato il suo percorso professionale: Torino, Venezia, New York.

Torino, città natale dell’artista, è il luogo della sua formazione nella quale Gribaudo inizia la sua carriera di editore e di pittore, luogo d’incontri culturali e tuttora sede del suo studio.

A Venezia si ripercorrono le tappe della sua partecipazione alla Biennale del  1966 dove ottiene il premio per la grafica – alla Biennale, Gribaudo sarà invitato anche all’edizione del 2011 – il rapporto professionale con Peggy Guggenheim, le mostre con Carlo Cardazzo alla Galleria del Cavallino e l’esposizione alla Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro nel 1971.

New York rimane invece la testimonianza dell’amicizia dell’artista con Lucio Fontana, culminata in quel viaggio del 1961 dove i due si recano a presentare il libro: Devenir de Fontana, curato da Michel Tapié e realizzato dallo stesso Gribaudo in occasione della mostra di Lucio Fontana alla Martha Jackson Gallery di New York.

Saranno esposti in mostra: dipinti, documenti e fotografie che ripercorrono la carriera di questa figura poliedrica e le opere degli artisti che Gribaudo incontra in questo particolare periodo del suo percorso umano e professionale: Lucio Fontana; Giorgio de Chirico e Karel Appel.

Il percorso espositivo si snoda quindi in un arco temporale che parte dal 1961 e arriva alla fine degli anni ‘70 per raccontare la storia di un protagonista dell’arte moderna. Ezio Gribaudo rimane, nel panorama artistico del Novecento italiano, una figura anomala, un personaggio chiave che con le sue azioni provoca l’intreccio di un sistema che oggi possiamo ancora definire con una parola ormai abusata: sinergico. I suoi molteplici interessi nell’universo dell’arte: editore, collezionista, promotore culturale, artista e amico degli artisti, lo mettono in 

relazione con i differenti linguaggi del mestiere, per l’approfondita analisi di una ricerca varia ed elaborata del suo lavoro. Un racconto affascinante su alcuni protagonisti del mondo dell’arte del XX° secolo, per una storia ancora tutta da raccontare.

Enti prestatori

Collezione Peggy Guggenheim, Venezia; Collezione Cardazzo, Venezia, 

Archivio Gribaudo, Torino; Arazzeria Scassa, Torino.

Progetto di allestimento e direzione lavori Giovanni Di Vito, Studio Vitruvio

Coordinamento del catalogo Paola Gribaudo

Edizione del catalogo Gliori, Pistoia