Ezio Gribaudo | Testi e Articoli
Sito web ufficiale dell'artista Ezio Gribaudo
90
archive,paged,category,category-testi-articoli,category-90,paged-3,category-paged-3,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.2,vertical_menu_enabled,paspartu_enabled,menu-animation-line-through,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Nicola Micieli – Variazioni dell’Immaginario

Dai Flani ai Logogrifi, dai Bianchi ai Legni, un dato raccorda e unifica nella sostanza il multiforme lavoro di ricerca condotto da Ezio Gribaudo in campo grafico, pittorico e scultoreo: l'indagine d'ogni possibile morfoscrittura che scaturisca dall'universo tecnologico e che sia suscettibile di scatto semantico e di qualificazione estetica. Le opere di Gribaudo, in definitiva, figurano il momento aurorale in cui l'atto stesso formativo si autopropone come struttura visiva, enunciando con il proprio germinare e fissarsi in organismo formale, il principio stesso che governa il processo creativo, ovvero la regola...

Continue Reading

Vittorio Sgarbi – Gribaudo

Caro Gribaudo, le terre favolose del mitico Catai, che per molti di noi uomini o pittori sedentari, resteranno sepolte nella nebbia di un sogno immemoriale tu hai potuto visitarle e, te beato, hai potuto goderle in presa diretta. Ma, di là delle vistose attrazioni turistiche, che ti hanno di certo interessato, l'Estremo Oriente non poteva non essere stimolo alla tua fantasia di artista giramondo. E qui, pensando alla tua eccezionale mobilità fisica, ai tuoi frequenti spostamenti intercontinentali, mi nasce spontaneo il seguente inciso riguardante la tua arte, che procede verso...

Continue Reading

Filippo Scroppo – Gribaudo – la Cina

Caro Gribaudo, le terre favolose del mitico Catai, che per molti di noi uomini o pittori sedentari, resteranno sepolte nella nebbia di un sogno immemoriale tu hai potuto visitarle e, te beato, hai potuto goderle in presa diretta. Ma, di là delle vistose attrazioni turistiche, che ti hanno di certo interessato, l'Estremo Oriente non poteva non essere stimolo alla tua fantasia di artista giramondo. E qui, pensando alla tua eccezionale mobilità fisica, ai tuoi frequenti spostamenti intercontinentali, mi nasce spontaneo il seguente inciso riguardante la tua arte, che procede verso...

Continue Reading

Nico Orengo – Gribaudo la Cina

C'era una volta un  pittore. Si chiamava Ku Ciu, era nato a Sciaoscing nel Cekiang. Sapeva, Ku Ciu, che gli elementi dai quali si generano tutte le cose sono quanti le dita di una mano, cinque: metallo, legno, acqua, fuoco, terra. Di terra erano i suoi colori, che mescolava all'acqua e impastava sul fuoco e stendeva su tavolette di legno o di metallo. Ku Ciu, con gli elementi che del Nulla avevano costruito il Tutto, era diventato un pittore grato. Ku Ciu attraversava il Paese e sulle sue tavolette di...

Continue Reading

Enrico Crispolti – Logogrifi

I “legni” di Gribaudo ci propongono immagini inedite di "natura", Direi esattamente di una “natura” attraversata da una pratica tecnologica, ma infine ricuperata proprio come tale, al di là della tecnologia. Insomma, le sue, sono possibili immagini attuali, postecnologiche, di “natura”. Queste immagini nuove ci si offrono anzitutto configurate in un'estrema concretezza di riferimento. Infatti sono una sorta di altorilievo scavato nel legno naturale, nel legno di tiglio, che ci si presenta del tutto semplicemente grezzo, dichiarando cioè interamente la propria origine, e tutta la sua qualità di brano di...

Continue Reading

Jean Dubuffet

Je suis très impressioné par les reproductions de vos œuvres qui figurent dans le livre que vous m’avez donné. Je les comprends pleinement, je les ressens profondément et je les admire. Leur ensemble, ainsi présenté, est très imposant et d’une haute tension mentale très frappante. Elles sont aussi très inventives et remarquablement conduites et contrôlées dans l’accomplissement de leur conception et de leur exécution. Je trouve étonnant, vu les moeurs de l’époque, que vous consacrez une grande part de votre temps à vos besognes d’éditeur de livres, cependant que vous...

Continue Reading

Hans Ritcher – 1975

Un segnale cifrato. Una lingua cuneiforme, stranamente trasformata nel giro del tempo dai metodi nuovi tecnici sul banco della tipografia. Emozioni umane accarezzano il gesso e il metallo parlando entrambi con la stessa lingua. Intarsiato su una pietra Rosetta interstellare c'è il significato molteplice dell'Arte, dell'Amore e della Grazia, dell'Eleganza e della Ricchezza...

Continue Reading

Graham Sutherland – Ezio Gribaudo – Logogrifo

Dear Ezio As I was walking over a great sandy beach the other day, I thought of your 'white' graphic experiments. The sun was setting, throwing into relief the rippling undulations made by the movement of the sea, and the traces of bird and human feet. And although here the soft sand is taking an impression, whereas you, I believe, excavate the surface of your material, leaving your images in relief, the effect is almost identical - that of raised or depressed forms on a flat surface - all in...

Continue Reading

Giovanni Arpino

La stregoneria può essere bianca. Nel giro di sette versi Raffaele Carrieri ha usato tutte le parole che “agiscono” per e con Ezio Gribaudo. Parole come tracciati, cataclismi, futura geografia, prismatica formazione: punti d’incrocio della ricerca magica che Gribaudo intende operare su materiali e spazio che li circonda. Ezio Gribaudo ama il gesto elegante, la parola precisa, il tono e il contorno esatti, il particolare che obbedisce a una sua classica necessità, ama i colori che si avviano in olocausto verso un unico colore che possa riassumerli e annullarli, ama...

Continue Reading

Annalisa Cima – Gribaudo, Logogrifi 70

Il logogrifo è la forma di scrittura iniziale dove si ripercorrono i gradi di formazione dello spirito quali acquisizioni, già deposte, o momenti di una strada già percorsa. La validità è nel considerare come fenomeno, o coestensivo con lo stesso, questo adeguarsi al mezzo che porta ad esistere solo se ci si manifesta. Nonostante si presenti sempre uguale, caratterizzato da un mutamento incessante, resta tale nella conservazione: mutamento come struttura dal contenuto inalterato; manifestazione del fenomeno iniziante attraverso un prosieguo di alterazioni d'arte: da causa alterna a causa proseguente fino...

Continue Reading

Andreina Griseri – Ezio Gribaudo il peso del concreto – 1968

Abituati ai grandi manifesti con cui la poesia figurativa ci documenta giorno per giorno le molte ripercussioni della vita (attingendo al formato op e agli slogans pubblicitari che ormai scottano come versi-liberi), i bianchi di Ezio Gribaudo impressionano per l'opposta versione, non casuale. Anche se egli afferma di essere pronto, disponibile, spontaneo a rompicollo. Né si può dubitarne. Forse per questo nel risultato egli non cerca una “bellezza” più o meno astratta, piuttosto un momento che scatta, intenso e fragile. I questo senso il disimpegno di Gribaudo è un punto...

Continue Reading

Michel Tapié – Ezio Gribaudo il peso del concreto – 1968

L’art a maintenant tous les droits: la nécessité en avait été sentie par les Impressionnistes, passionnément vécue par les Futuristes, les Cubistes et les premiers Expressionnistes, et lucidement énterinée par Dada; et enfin vécue par les Abstraits Lyriques, l'expressionnisme abstrait et l'action painting, dans un délire euphorique portant les possibilités de l'aventure anarchique à ses extrêmes limites artistiques. Ceci étant acquis, il était bon de chercher un ordre autre, à une nouvelle “puissance” de l'art; il est, par contre, tres stupidement facile de s'installer dans l'academisme de l'anarchie, qui est...

Continue Reading

Luigi Carluccio – Ezio Gribaudo il peso del concreto – 1968

Sulla linea di sviluppo di una ricerca strumentale per il rinnovamento delI arte incisoria - che forse ha nei frammenti di Adam la sua intuizione originaria ed una proposta valevole per una possibilità infinita di variazioni, impronta attuata da Ezio Griballdo appartiene ad un repertorio calcografico volutamente anonimo e tale non per il rifiuto d’ogni carattere illustrativo ma proprio attraverso l'evidenza con cui mostra di far parte delle più elementari lllustrazioni del mondo oggettivo della civilta dei consumi. L’impronta di Grlbaudo segna il momento della riscoperta d'una matrice sperduta nel...

Continue Reading

Adriano Spatola – Ezio Gribaudo il peso del concreto – 1968

Il bisogno di contatto tra i ricercatori che lavorano nei più diversi campi della cultura sperimentale è il sintomo di una situazione nuova, che nasce da un atteggiamento inedito verso la realtà. Questa verità elementare sembra avere un particolare significato per la poesia, che si presenta oggi come un’area vastissima che vive e si sviluppa mediante un gioco complicato di relazioni fra tutti i suoi punti di riferimento, tanto interni che esterni. Questo impulso a uscire dai confini del proprio territorio è ormai un carattere accertato di tutte le arti,...

Continue Reading